Installazione Impianti Idraulici

by

Siete in cerca di maggiori informazioni su installazione impianti idraulici e desiderate avere le idee chiare? Ecco tutto ciò che dovete sapere e come essere sicuri che tutto sia fatto a regola d’arte.

Importanza di una corretta installazione impianti idraulici

Impianti Idraulici, importanza di una corretta installazione

Prima di scendere nel dettaglio sull’importanza della posa degli impianti idraulici e su come funzionano bisogna aver chiaro in cosa consiste il concetto di impianti idraulico.

Si tratta del complesso di reti di distribuzione delle acque di un edificio, che sono finalizzate allo svolgimento delle attività domestiche di cui fanno parte sia la pulizia della persona che dell’ambiente in cui vive.

A seconda dei materiali utilizzati e in base ai tipi di posa l’impianto idraulico risulta diverso, ma ad ogni modo lo scopo è sempre quello di far arrivare l’acqua ai diversi punti di servizio che può comprendere l’abitazione.

L’impianto si dice che è perfettamente funzionante quando l’acqua erogata è soddisfacente e lo smaltimento delle acque di scarico avviene in modo corretto.

Le componenti che fanno parte degli impianti idraulici sono le seguenti:

  • Colonne di adduzione, che rappresentano il punto di partenza dell’impianto
  • Valvole o chiavi d’arresto ad utilizzo manuale che intercettano l’acqua in pressione e ne determinano l’afflusso o il deflusso aprendole e chiudendole
  • Tubazioni
  • Collettore, indispensabile per distribuire nel circuito idrico l’acqua in pressione e farla arrivare a tutte le utenze

Ad oggi le tubazioni più utilizzate nella realizzazione degli impianti idraulici sono quelle in PVC, ma ottimo è anche il rame, resistente alla corrosione, ma notevolmente più costoso.

Come si svolge il funzionamento impianto idraulico

Anche se la posa può essere diversa il funzionamento dell’impianto idraulico è pressoché identico è in tutti i casi viene allacciato all’acquedotto comunale che in genere raggiunge ogni casa. Tramite le colonne di adduzione che in altezza risalgono l’intero edificio l’acqua viene convogliata negli appartamenti. Proprio alle colonne viene collegata la tubatura di distribuzione delle acque chiare e delle acque nere.

In caso la forza di adduzione non riesca a portare l’acqua verso l’alto e quindi non raggiunge i piani superiori occorre installare un’autoclave al piano terra, che corrisponde ad una sorta di recipiente che mantiene al suo interno una pressione così forte da far arrivare l’acqua anche ai piani più alti della casa.

Gli impianti idraulici sono tutti dotati di un rubinetto principale che deve essere collegato con il contatore dell’acqua, un dispositivo che permette di misurarne i consumi. Grazie alla presenza di questo rubinetto è possibile chiudere completamente l’impianto idraulico nel caso vi sia la necessità di effettuare interventi di manutenzione ma può essere anche chiuso se si decide di trasferirsi altrove o magari ci si deve assentare a lungo.

E’ importante considerare la chiusura dell’impianto idraulico per i seguenti motivi:

  • In caso di guasti all’impianto idraulico si evitano perdite e allagamenti
  • In caso di gelate si evitano rotture delle tubazioni

Oltre alla chiusura totale è possibile chiudere l’impianto idraulico in modo parziale. Infatti, visto che stiamo parlando di impianto idraulico installato a regola d’arte, è presente un rubinetto di intercettazione che permette di chiudere solo una parte dell’impianto.

Impianti idraulici e bagno

Alla stanza da bagno le condutture arrivano attraverso a tubi detti braghe, che non sono altro che i tubi che sono posizionati sotto i sanitari. Questi ultimi hanno in dotazione un sifone che rimane sempre mezzo pieno per non far risalire i cattivi odori. I sifoni possono essere smontati periodicamente per essere puliti e per evitare ostruzioni che impedirebbero all’impianto di svolgere al meglio le sue funzioni.

Per funzionare tutto correttamente occorre che tutte le component siano installate correttamente, e ovviamente qui entra in gioco l’abilità del tecnico che oltre ad essere preparato e specializzato deve anche possedere l’idoneità riconosciuta dalla legge per rilasciare il certificato di conformità dell’impianto idraulico.

Ad ogni modo, quando si verificano delle ostruzioni occorre rivolgersi ad un idraulico competente, che sappia dove mettere le mani ed eseguire una corretta riparazione.

Qual è la normativa che disciplina gli impianti idraulici

Impianti Idraulici, importanza di una corretta installazione

Nel caso della posa di un impianto idraulico esistono delle specifiche normative a cui occorre fare riferimento. Non importa se si tratta di un impianto nuovo o da modificare: in ognuno di questi casi occorre fare riferimento alla normativa contenuta nel decreto 37/2008 del Ministero dello Sviluppo Economico che ha sostituito la legge 46/1190.

Il responsabile dell’impianto idraulico è l’installatore ma anche il committente ha la sua responsabilità per la legge ed entrambi sono tenuti a rispettarla. La normativa prevede infatti che il tecnico che installa l’impianto idraulico deve fornire la dichiarazione di conformità dell’impianto.

Il cliente che chiede la realizzazione dell’impianto deve accertarsi che il tecnico sia iscritto alla camera di commercio e che possa fornire il certificato.

In conclusione

Per una perfetta installazione di impianti idraulici occorre obbligatoriamente rivolgersi a tecnici del settore.

Per accertarsi che il tecnico o l’azienda a cui vi rivolgete sia abilitata chiedete la dimostrazione e se è veritiera, altrimenti rivolgetevi altrove. Rivolgersi a tecnici esperti significa che i lavori siano eseguiti da professionisti del settore, per evitare di danneggiamenti.

Il servizio si avvale di un team di tecnici altamente qualificati che opera in tutto il territorio Milanese ed è pronto a risolvere ogni emergenza. Per assistenza e manutenzione impianti idraulici chiamaci allo 0283595649!

Seguici sulla nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato

Chiama Ora
Whatsapp
Email